FAQ

Una microimposta moderna ed equa al posto di tre imposte

Sostituire l’IVA, l’IFD e la tassa di bollo con una tassazione minima e automatizzata delle transazioni elettroniche.

 

Domande di base:

Cos’è la microimposta?

E un’imposta con un tasso molto basso, il che spiega il suo nome, che viene percepita su tutte le transazioni effettuate in modo elettronico.

È un’imposta in più?

No, perché sostituisce tre imposte federali, ovvero l’IVA, l’IFD (imposta federale diretta) e la tassa sul bollo.

Cosa sono le transazioni effettuate in modo elettronico?

Sono tutti i pagamenti e trasferimenti contabili effettuati dalle banche e altri istituti finanziari. Ciò include anche i prelevamenti e versamenti al bancomat o allo sportello di una banca o di un istituto finanziario.

Come mai il suo tasso può essere così basso?

Il tasso della microimposta è molto basso perché essa viene percepita su un numero di transazioni molto elevato, il cui totale ammonta al minimo a 100'000 miliardi di franchi, ovvero 150 volte il PIL.

Perché il suo tasso non è ancora stato definito?

La Svizzera non pubblica statistiche ufficiali sull’ammontare totale delle transazioni elettroniche. La BNS lo stabilirà subito dopo l’accettazione dell’iniziativa e si potrà allora definire il tasso della microimposta. Su un importo di 100'000 miliardi di franchi, un tasso di 0,025% basta per riscuotere 50 miliardi di franchi, ovvero le entrate generate dall’IFD, dall’IVA e dalla tassa sul bollo.

Qual è lo scopo della microimposta?

Mira a modernizzare e semplificare il sistema fiscale, che è superato nei suoi fondamenti e nel suo funzionamento. Permette inoltre di riscuotere automaticamente le imposte e di abolire l’obbligo della dichiarazione fiscale.

Perché il sistema fiscale attuale è superato?

Con l’IVA (in modo indiretto) e l’IFD viene tassato principalmente il prodotto del lavoro umano.  Questo principio risale alla rivoluzione industriale, ovvero al Settecento, e non è più adatto alla società digitale attuale. Tassare le transazioni elettroniche – in modo lieve – rappresenta oggi un fondamento più giusto ed equo.

La fiscalità attuale richiede numerose procedure da parte del contribuente e dell’amministrazione, che sono diventate troppo complesse e troppo costose. È costituita di troppi strati, troppe regolamentazioni, troppo nicchie e troppe eccezioni.

La microimposta è legata a un orientamento politico?

Tassare in modo lieve le transazioni elettroniche non è né di destra né di sinistra. La microimposta sostituisce, in modo politicamente neutro, un’imposta diretta sul consumo (l’IVA), un’imposta diretta e progressiva sul reddito e sugli utili (l’IFD) e un’imposta sul capitale (la tassa sul bollo).

La microimposta provocherà una diminuzione o un aumento del carico fiscale?

Essa genera delle entrate che permettono di sostituire le tre imposte considerate, spostando la tassazione da una base imponibile limitata verso un’altra molto più larga.  È quindi neutra in termini di prodotto fiscale. Per una famiglia con un reddito di 100'000 franchi all’anno, rappresenta un risparmio di circa 4'000 franchi.

La microimposta privilegia i ricchi o i super ricchi?

No, perché loro effettuano proporzionalmente molto più transazioni elettroniche.

Quale sarà il risparmio indotto dall’automatizzazione della percezione fiscale?

La microimposta ci libera del lavoro e dei costi di calcolo, dichiarazione, pagamento e controllo per le tre imposte soppresse. Il risparmio sarà quindi considerabile in termini di tempo e denaro, che potranno essere impiegati dai contribuenti e dallo stato per altri compiti.

Come la microimposta viene incassata e versata alla Confederazione?

Gli istituti finanziari, principalmente le banche, che si occupano delle transazioni elettroniche calcoleranno con l’aiuto di software specifici l’importo della microimposta e la verseranno alla Confederazione. Saranno indennizzate per questo lavoro.

Quindi il contribuente non avrà più niente da fare?

No. Le sue transazioni saranno tassate automaticamente. Non avrà più bisogno di inoltrare una dichiarazione fiscale, di ricevere una fattura e di pagare l’imposta per le tre imposte sostituite dalla microimposta.

Ci sarà un controllo sulle operazioni fiscali?

L’amministrazione federale controllerà che la microimposta sia percepita in modo corretto. Questa attività rappresenterà però solo una minima parte dell’attività e dei costi di percezione fiscale e di controllo per le tre imposte soppresse.

Delle persone o delle imprese lasceranno la Svizzera per evitare la microimposta?

No. La sostituzione dell’IFD, dell’IVA e della tassa sul bollo con una microimposta su una base imponibile molto più larga è attrattiva a livello fiscale e rappresenta una semplificazione amministrativa.

La microimposta potrà essere aggirata con l’uso dei contanti?

Anche il prelevamento e il versamento di contanti in banca o al bancomat saranno assoggettati alla microimposta. Per le transazioni quotidiane la microimposta sarà minima, anche al tasso massimo teorico di 0,5%, ovvero dieci centesimi su venti franchi. Su un millione di franchi, la microimposta non supererà quindi 5'000 franchi. Questo non giustificherà il riscorso ai contanti, con i rischi e gli svantaggi che comporta, mentre non saranno più percepite l’IVA – il cui tasso varia dal 2,5 al 7,7% - e l’IFD – il cui tasso può raggiungere il 11,5%.

Le transazioni con criptovalute e con valute straniere saranno assoggettate alla microimposta?

Si. Tutte le transazioni effettuate da persone domiciliate o con la loro sede in Svizzera saranno tassate.

Delle transazioni finanziarie lasceranno la Svizzera o non saranno più effettuate per evitare la microimposta?

La microimposta potrebbe limitare l’interesse per certe operazioni speculative. Esse potrebbero diminuire o essere spostate fuori dalla Svizzera. Il che non rappresenterebbe però nessuna perdita di entrate perché queste operazioni non generano nessun gestito fiscale.

La microimposta viene percepita sulle transazioni finanziarie effettuate fuori dalla Svizzera da contribuenti svizzeri?

La microimposta può essere percepita automaticamente solo sulle transazioni effettuate in Svizzera. Le transazioni effettuate fuori dalla Svizzera da contribuenti svizzeri devono essere dichiarate e pagate da essi. Questa dichiarazione è però molto più semplice di quelle per l’IFD e l’IVA.

 

Domande approfondite

In quale misura la microimposta contribuisce alla trasparenza dei mercati finanziari?

Attualmente, l’ammontare totale delle transazioni elettroniche non è determinato in modo certo e ufficiale. La microimposta permetterà una migliore conoscenza e una maggiore trasparenza di attività che comportano un rischio sistemico.

Sarà difficile da attuare per le banche?

No. Tutte le transazioni finanziarie assoggettate alla microimposta sono registrate elettronicamente in tempo reale. Il loro calcolo tramite un software specifico è semplice.

Perché è previsto un periodo di transizione con un tasso iniziale di 0,005%?

Il tasso dovrà essere definito affinché la microimposta generi le stesse entrate delle tre imposte che sostituirà. Trattandosi di una nuova imposizione, un periodo transitorio è previsto per permettere di effettuare questo adattamento in modo affidabile, tenendo conto del totale delle transazioni finanziarie e delle entrate generate dalla microimposta durante i primi esercizi fiscali.

La microimposta si aggiungerà dunque a queste tre imposte durante il periodo transitorio?

Si aggiungerà solo all’inizio e a un tasso minimo, e questo sarà compensato durante gli esercizi finanziari seguenti.

La microimposta è una Tobin Tax?

La Tobin Tax concerneva solo certe transazioni finanziarie internazionali e mirava a limitare la speculazione sul mercato dello scambio. La microimposta invece si applica all’insieme delle transazioni elettroniche, che rappresenta un’enorme base imponibile, e non ha nessun altro scopo che generare queste entrate.

La microimposta limiterà la liquidità dei mercati finanziari?

In modo minimo. La microimposta avrà solamente un effetto limitato sulle transazioni effettuate sui mercati finanziari e contribuirà ad assicurare la loro stabilità.

E giusto tassare delle transazioni senza alcun riguardo per la capacità contributiva delle parti che le effettuano o senza alcun riguardo per la realizzazione di un guadagno o di un profitto?

Il sistema fiscale attuale tassa direttamente o indirettamente in primo luogo il prodotto del lavoro umano. Le transazioni e i flussi finanziari sono un altro indicatore dell’attività economica, delle spese, della realizzazione di guadagni e redditi, degli investimenti, ecc., sui quali è giusto spostare la tassazione in modo minimo ed equo.

Le multinazionali pagheranno la microimposta?

Tutte le persone giuridiche che sono dei contribuenti svizzeri pagheranno la microimposta attraverso la sua percezione automatica per le transazioni effettuate in Svizzera e attraverso una dichiarazione per le transazioni effettuate all’estero.